28 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > News

Internet e la crisi dell´economia del porno

06-04-2015 14:00 - News
L´industria a luci rosse ha i conti in rosso, e la colpa sembra essere di Internet. La stessa Internet che ha reso disponibile l´hard a schiere di persone che mai si sarebbero sognate di entrare in un sexy shop o di comprare in edicola un DVD a luci rosse. Ecco che cosa sta succedendo.
Quanto tempo è passato da quando avete guardato l´ultimo porno? Ma soprattutto, dove eravate? Potete anche non rispondere, tanto le statistiche parlano chiaro: se avete sbirciato un video a luci rosse negli ultimi 5 anni, nel 99% dei casi eravate connessi a Internet. E non è difficile crederlo, visto che i siti hot raggiungibili con un clic del mouse sono quasi 30.000.000, il 15% circa di tutto l´Internet ufficiale.

TANTO SESSO, TANTI VIDEO... Secondo una ricerca condotta nel 2012 da Extreme Tech, quasi il 30% del traffico Internet mondiale sarebbe fatto da contenuti per adulti: Xvideos, la più grande piattaforma online di film a luci rosse, da sola collezionerebbe quasi 5 miliardi di pagine viste al mese, quasi la metà di quelle registrate da Wikipedia.

Vi dice qualcosa il nome MindGeek? È una società canadese fondata nel 2007 che gestisce un centinaio di siti che consumano più banda di Facebook, Amazon o Twitter. MindGeek è il secondo provider del porno: possiede alcuni dei più importanti aggregatori di video porno , i "tube sites" (chiamati così perché imitano il formato YouTube) come PornHub, YouPorn e RedTube, che ogni giorno (e ogni notte) distribuiscono enormi quantità di pornografia gratuita finanziata con la pubblicità.

I siti porno più visitati in ogni Paese del mondo. Secondo i dati del sito Alexa, che monitora il traffico internet, ben tre siti a luci rosse compaiono tra i 100 più visitati al mondo. In questa classifica, infatti, XVideos si trova al 43 esimo posto, XHamster al 66esimo e Pornhub al 76esimo.

... E POCHI SOLDI. Eppure tutto questo successo sembra non tradursi, per chi lo produce, in un equivalente successo economico. I numeri ufficiali del settore sono pochi: quasi nessuna delle aziende che operano in questo business è quotata in borsa e quindi costretta a rendere pubblici i dati di bilancio. Ma secondo stime della CNBC, nel 2012 l´industria del porno, a livello globale, ha prodotto un fatturato di circa 14 miliardi di dollari, quasi tutti realizzati grazie alla vendita di video.

A spartirsi questo mercato sono una manciata di case di produzione il cui business si svolge ancora in maniera tradizionale: ingaggiano gli attori, producono i film, li traducono e li distribuiscono nei vari mercati. Fino a qualche anno fa li vendevano su DVD nei sexy shop, oggi li distribuiscono online grazie alla banda larga.

IL PORNO ME LO FACCIO DA SOLO! Ma proprio Internet, che ha reso "democratico" l´accesso al proibito rendendolo di fatto possibile a chiunque e in pieno anonimato, sta cambiando le regole del gioco e sta costringendo i big dell´eros a rivedere le proprie previsioni di crescita.


Che si tratti di spezzoni di film o di scene girate in proprio da appassionati del genere, poco importa: Xvideos, PornHub e i suoi siti fratelli, o ancora gli altri aggregatori di contenuti a luci rosse rendono disponibile online, e in maniera del tutto gratuita, una mole impressionante di contenuti hard... pirata.

PIRATERIA XXX. E le case di produzione piangono. Anche perché se già è difficile per le major cinematografiche e musicali riuscire a tutelare i propri interessi contro la pirateria online, per i produttori di pornografia è praticamente impossibile, visto che nessun politico si farà mai pubblicamente carico dei loro interessi.

La crisi del settore è evidente: quest´anno agli AVN, ossia gli "Oscar" del porno che si tengono ogni gennaio a Las Vegas, c´erano solo quattro case di produzione. Nel 2002 erano più di 20 e nel 1998 il business dei film a luci rossi valeva più di quello di Hollywood.

I primi a farne le spese sono gli attori: secondo un´inchiesta del Guardian le tariffe, a scena, sono passate dai 1.000 dollari di qualche anno fa a meno di 500 per le donne. Per gli uomini sono ancora più basse.

DISOCCUPAZIONE A LUCI ROSSE. Il business, insomma, inizia a non reggersi più e secondo alcuni analisti nel giro di 5 anni potrebbe essere definitivamente compromesso. Un problema sta assumendo anche una dimensione sociale: in alcune zone del mondo, per esempio la San Fernando Valley in California, patria dell´industria a luci rosse, legioni di attori e attrici sono ormai praticamente disoccupati. E per arrotondare si cimentano in business che spesso sono ai limiti della legalità.

Le più intraprendenti, ma si tratta solo di donne, si sono riciclate nel lucroso settore delle webcam a luci rosse, dove, in cambio di cifre che possono sforare i 5 dollari al minuto (di cui solo il 40% resta in tasca a loro, il resto se ne va diritto a chi gestisce la piattaforma), si esibiscono in spettacolini hard.

Ma non solo. Secondo Salon, molti attori si danno alla prosituzione: nel 2000 gli attori del porno che lavoravano come escort erano rari e guardati di traverso, ora sono una cosa comune. L´attrice di film per adulti Houston spiegava a Salon: «Se guardi sui siti di escort, ci sono praticamente tutti gli attori porno».


Fonte : Focus.it
Sponsor
[]
Facebook

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:

Per poter entrare a far parte della comunità on-line di Radio Reporter e accedere ad alcuni servizi (richieste di informazioni, richieste di registrazione) è necessario effettuare la registrazione al sito (www.radioreporter.it). Durante la registrazione all´utente sono richiesti dati personali.

I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l´art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

FINALITA´ DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti etc.

DIRITTI DELL´INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l´utente ha il diritto di ottenere:
- l´aggiornamento, la rettifica e l´integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
- l´interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- l´indicazione dell´origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati;
MODALITA´ DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
- È prevista l´adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri indirizzi (robertoc@mediahit.it). I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l´identificazione dell´interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.
- I dati possono essere archiviati su server SitoPer.it oppure in copia di sicurezza archiviati dal proprietario del sito internet.
AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet

MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l´adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché, in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitaLe una risposta. Gli ulteriori dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di ottenere risposta da parte nostra.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento di dati personali è Radio Reporter S.r.l., Via G. Da Verrazzano 16, 56038 Ponsacco (PI), Tel. 0587 2861 - e-mail: reporter@radioreporter.it
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio