28 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > News

ISRAELE VIETA LE MODELLE TROPPO MAGRE - DAL 1 GENNAIO E´ IN VIGORE LA LEGGE CHE BANDISCE CORPI SCHELETRICI IN SFILATE E PUBBLICITA´ E CHE IMPONE DI DICHIARARE L´USO DEL PHOTOSHOP NELLE IMMAGINI

10-01-2015 14:48 - News
Lo avete sentito Venerdi 9 Gennaio nel pomeriggio di Renato Tradico ecco ora l´articolo completo ......!!!!
Tra i buoni propositi dell´anno nuovo, molti hanno messo la dieta e l´iscrizione in palestra. In Israele invece è passata una nuova legge, in vigore dal primo gennaio 2015, che vieta l´ingaggio di modelle sottopeso per sfilate o pubblicità. L´indice di massa corporea (il rapporto tra peso e altezza) non deve essere inferiore a 18,5, limite sotto cui la "World Health Organization" considera una persona malnutrita.
La legge prevede inoltre che chi pubblica le immagini pubblicitarie dichiari l´alterazione digitale delle misure delle modelle. Spiega Rachel Adatto, promotrice dell´iniziativa: «E´ una risposta all´aumento di disordini alimentari tra i più giovani. Le ragazze idealizzano le modelle e vogliono apparire come loro». Una simile presa di posizione diminuirà davvero i casi di anoressia e bulimia?
Risponde lo psichiatra Walter Kaye, direttore della clinica per disordini alimentari della "University of California": «E´ un argomento che porta molta speculazione. Alcuni pensano sia tutta colpa della società, altri credono dipenda dalla genetica e dalla biologia». La ricerca della "National Health and Nutrition" calcola che il 5% degli americani, fra donne e uomini, ha a che fare con disordini alimentari. Sono difficili da trattare, quindi prevenire potrebbe essere un buon inizio.
La psicoterapeuta Sarah Ravin fa però differenza fra disordine alimentare e alimentazione disordinata. Nel primo caso il problema è di natura genetica e biologica, nel secondo invece parliamo di ossessione estetica derivante dalle pressioni culturali esterne. E´ questo il caso più comune e può condurre alle stesse tragiche conseguenze dell´altro. Il paradosso è che queste persone si preoccupano del loro aspetto mettendo seriamente a repentaglio la salute. L´esercizio compulsivo e la frequente dieta possono danneggiare il fisico e portare alla depressione.
Se il divieto israeliano è diretto a combattere l´alimentazione disordinata, allora va bene. Il problema è che invece sembra essere diretto al disordine alimentare. La differenza pare minima, sembra di spaccare in due un capello, ma non è così. Non ci sono dati scientifici sufficienti per stabilire che il disordine alimentare sia legato ai modelli imposti dalla società. Se così fosse, il numero di persone affette dalla patologia sarebbe molto superiore.
Spesso si semplifica dicendo che il disordine alimentare è una dieta portata all´estremo o che nasce dalla volontà di ragazze vanitose di diventare sempre più magre. Non è così. Le radici sono profonde, le ragazze soffrono e provano sollievo nell´autodistruzione. Alcune si sentono meglio privandosi di cibo, o, nel caso della bulimia, a ingozzarsi di cibo. Se la legge israeliana sarà efficace o meno si vedrà. Intanto nelle famiglie se ne parla molto ed è positivo.




Fonte:dagospia.it
Sponsor
[]
Facebook

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:

Per poter entrare a far parte della comunità on-line di Radio Reporter e accedere ad alcuni servizi (richieste di informazioni, richieste di registrazione) è necessario effettuare la registrazione al sito (www.radioreporter.it). Durante la registrazione all´utente sono richiesti dati personali.

I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l´art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

FINALITA´ DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti etc.

DIRITTI DELL´INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l´utente ha il diritto di ottenere:
- l´aggiornamento, la rettifica e l´integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
- l´interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- l´indicazione dell´origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati;
MODALITA´ DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
- È prevista l´adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri indirizzi (robertoc@mediahit.it). I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l´identificazione dell´interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.
- I dati possono essere archiviati su server SitoPer.it oppure in copia di sicurezza archiviati dal proprietario del sito internet.
AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet

MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l´adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché, in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitaLe una risposta. Gli ulteriori dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di ottenere risposta da parte nostra.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento di dati personali è Radio Reporter S.r.l., Via G. Da Verrazzano 16, 56038 Ponsacco (PI), Tel. 0587 2861 - e-mail: reporter@radioreporter.it
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio