06 Luglio 2020
News
percorso: Home > News > News

Cani antidroga a scuola, a Firenze un preside dice no: ´Non siamo allo stadio´

05-02-2015 10:30 - News
"Nella mia scuola i cani antidroga non entrano". A vietare l´ingresso delle unità cinofile delle forze dell´ordine è Ludovico Arte, il dirigente dell´istituto tecnico per il turismo "Marco Polo" di Firenze. Il preside ha deciso di mettere la parola fine alle perquisizioni fatte con i cani alla ricerca di stupefacenti. Una dura presa di posizione che ha innescato un braccio di ferro con il Questore Raffaele Micillo, pronto a continuare i controlli nelle scuole fiorentine nonostante il diniego del numero uno del "Marco Polo".

Arte non crede alla repressione ma ad un lavoro quotidiano per combattere la droga: "Io faccio educazione, loro perseguono reati. Da tempo in questo dialogo non facile con le forze dell´ordine dico che dobbiamo trovare una mediazione. Quando la polizia o i carabinieri intervengono in una scuola devono fare i conti con una logica diversa dalla loro. Devono entrare in comunicazione con un preside. Non possono pensare di essere allo stadio". Il dirigente dell´istituto tecnico fiorentino è rispettoso delle forze dell´ordine ma non ha intenzione di fare un solo passo indietro: "Se mi dicono, come è già accaduto, che loro possono d´autorità entrare contro la mia volontà, devono sapere che un minuto dopo che hanno messo piede a scuola io chiamo i giornali e pubblicamente prendo distanze da questo tipo di intervento. Non voglio contrappormi alle forze dell´ordine: siamo tutti contro la droga. Il punto è come si fa la lotta agli stupefacenti dentro una scuola: portare i cani poliziotto in aula è folle".
Pubblicità

A sentire il preside del "Marco Polo" sembra che questo tipo d´indagini non sia per nulla utile: "Di fatto questi interventi non ottengono risultati; l´ultima volta hanno trovato un grammo, ripeto un grammo di marijuana. Non riescono ad individuare chi l´ha portata, fanno solo terrorismo e il giorno dopo è tutto uguale. Si semina solo un po´ di paura. Io non darò mai l´autorizzazione a puntare un cane contro un ragazzo nella mia scuola". Arte non tollera le maniere forti. Sa che nelle scuole esiste il problema, ammette che il fenomeno sta crescendo ma la parola repressione non fa parte del suo dizionario. E sottolinea che un ragazzo che spaccia va solo aiutato. Nella sua scuola la lotta alla droga la fa mettendo a disposizione dei suoi studenti cinque psicologi.

Il preside, in pratica, vuole solo più collaborazione: "Per la cronaca le forze dell´ordine a volte le ho fatte entrare. Di fronte al caso di una ragazza sospettata di spaccio hanno potuto perquisirla nel mio ufficio, in maniera rispettosa. Altre volte sono stati fatti pattugliamenti nel cortile della scuola senza che noi ne sapessimo nulla. E´ accaduto che hanno messo a terra un ragazzo sospettato di aver spacciato: io non le voglio vedere queste scene perché per me quello studente non è un criminale e non va umiliato. Vi sono mille altri modi per agire. Mi farebbe piacere se si uscisse dalla semplificazione dei buoni contro i cattivi, di chi contrasta la droga e di chi al contrario difende i ragazzi: stiamo discutendo di modi diversi di intendere la lotta agli stupefacenti a scuola". Il dirigente del "Marco Polo" non si illude, sa che la maggior parte dei suoi colleghi non si oppone agli interventi delle forze dell´ordine ma è pronto ad aprire un dibattito: "Voglio vedermi con il Questore. Mi piacerebbe che tra noi presidi invece di fare incontri inutili sulla burocrazia aprissimo un tavolo di confronto su questo argomento".
Fonte :ilfattoquotidiano.it

Sponsor

[]

Facebook


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:

Per poter entrare a far parte della comunità on-line di Radio Reporter e accedere ad alcuni servizi (richieste di informazioni, richieste di registrazione) è necessario effettuare la registrazione al sito (www.radioreporter.it). Durante la registrazione all´utente sono richiesti dati personali.

I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l´art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

FINALITA´ DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti etc.

DIRITTI DELL´INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l´utente ha il diritto di ottenere:
- l´aggiornamento, la rettifica e l´integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
- l´interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- l´indicazione dell´origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati;
MODALITA´ DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
- È prevista l´adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri indirizzi (robertoc@mediahit.it). I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l´identificazione dell´interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.
- I dati possono essere archiviati su server SitoPer.it oppure in copia di sicurezza archiviati dal proprietario del sito internet.
AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet

MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l´adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché, in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitaLe una risposta. Gli ulteriori dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di ottenere risposta da parte nostra.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento di dati personali è Radio Reporter S.r.l., Via G. Da Verrazzano 16, 56038 Ponsacco (PI), Tel. 0587 2861 - e-mail: reporter@radioreporter.it
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account